Liposuzione: gambe scolpite

Più precisa della liposuzione tradizionale, più efficace e più sicura. È la liposuzione tumescente, che rimodella profondamente in una sola giornata. Per gambe scolpite che tendono all’infinito!

La gambe sono un importante punto di seduzione, e se sono grosse, appesantite e poco toniche, a soffrirne è l’intera silhouette. Se ieri la liposuzione classica era l’unica soluzione ai cuscinetti recidivi a diete e palestra, oggi si possono scolpire con precisione e sicurezza anche i punti più delicati. Con la consulenza del dottor Carlo Alberto Pallaoro, specialista in chirurgia plastica a Padova, vediamo la più innovativa metodica di liposuzione per gambe seducenti.

LA LIPOSUZIONE ANTI-CUSCINETTI

Prima di affrontare direttamente la questione tecnica e chirurgica, è bene chiarire alcune cose della liposuzione: “In primis: non è un modo per dimagrire – esordisce il dottor Pallaoro – dobbiamo sottolineare che la liposuzione è la soluzione ideale per ritoccare e cancellare le imperfezioni dovute ad accumuli adiposi recidivi. Quando il sovrappeso è eccessivo, la liposuzione è solamente una parte di un programma più ampio e a lungo termine”. Insomma: liposuzione ok, a patto che sia solamente uno dei passi da fare insieme a regolare attività fisica e disciplina alimentare. Ma la liposuzione non è un intervento definitivo? “Da un certo punto di vista sì – chiarisce il chirurgo – cioè vengono aspirate completamente alcune parti del pannicolo adiposo. E quando una cellula di grasso viene asportata, non si riforma più. Ma quelle rimanenti potranno comunque aumentare molto di volume, fino a rendere vano l’effetto della liposuzione. E poi il rischio è anche un altro: se il volume di grasso da aspirare è ingente, il rischio è che la pelle, al termine dell’intervento, risulti quasi in eccesso, troppo rilassata e incapace di riadattarsi al corpo. Questo rende necessari altri interventi chirurgo-estetici per rassodare i tessuti”. Ecco quindi la premessa necessaria: i tessuti dovranno essere adeguatamente elastici e il paziente dovrà impegnarsi con uno stile di vita corretto.

LA PROCEDURA dida LIPOSUZIONE GAMBE GRAFICO

Dopo l’anestesia, il chirurgo inserisce la cannula nel pannicolo adiposo attraverso una piccola incisione (v. secondo fotogramma del grafico). La cannula, collegata ad un aspiratore, viene condotta dal chirurgo avanti e indietro, con energici movimenti a raggiera, mantenendola sempre nello strato di grasso sopra i muscoli. La punta della cannula è smussata e, pur frantumando le cellule di grasso, non intacca gli altri tessuti.Terminata la fase di aspirazione (1 ora circa), le incisioni vengono suturate e la parte trattata viene fasciata accuratamente con un bendaggio compressivo (v. fotogramma C del grafico). Questa fase è determinante quanto le altre per la riuscita ottimale dell’intervento. Le guaine applicate contengono le perdite, riducono il gonfiore e sono essenziali perché la pelle si riadatti ai volumi. Una certa porzione dei liquidi infiltrati resta ancora nei tessuti con effetto analgesico. Gli ematomi, conseguenza normale (anche se limitata dal particolare bendaggio), vengono riassorbiti in 3 settimane circa e i tessuti si normalizzeranno progressivamente. “Grazie alla procedura tumescente, già al termine dell’intervento il paziente potrà camminare, scongiurando il pericolo di tromboembolie” sottolinea il chirurgo.

MAGRA O SCOLPITA? BELLA DIFFERENZA!

La liposuzione non è una alternativa alla dieta, né il suo fine è quello di far perdere peso. Chi si affida a questo tipo di intervento vuole rimodellare il proprio corpo eliminando i ristagni di adipe che alterano l’armonia e le proporzioni delle curve. Dopo un intervento di liposuzione, infatti, la paziente non nota una grande perdita di peso, quanto piuttosto un armonioso rimodellamento dei profili del corpo. Nel corso dell’intervento chirurgico, la quantità di adipe asportato varia a seconda della corporatura, della salute del soggetto e del tipo di intervento: tutte variabili, queste, che vengono profondamente valutate dal chirurgo nella visita pre-operatoria. Non si tratta di una soluzione drastica, ma di un intervento che, se eseguito correttamente, presenta pochi rischi e una convalescenza dolce e non fastidiosa.

EASY PAY

LA CHIRURGIA ESTETICA FINANZIATA

Se il costo della chirurgia estetica spaventa, ma si è comunque decisi a fare l’intervento desiderato, occhio allo specialista che si sceglie. La caccia al risparmio non è sempre un’opzione felice, soprattutto se a farci le spese è la salute. Infatti gli interventi chirurgici non possono prescindere da una scrupolosa osservanza delle norme igieniche e sanitarie, la scelta dei migliori materiali sul mercato e il continuo aggiornamento delle più affinate strumentazioni e tecniche chirurgiche.

Piuttosto che incorrere in spiacevoli conseguenze, meglio scegliere piuttosto un piano di finanziamento agevolato. Per una liposuzione dei fianchi e delle cosce e glutei, ad esempio, è normale una spesa di circa 2.500€ che, grazie all’iniziativa Easy Pay possono essere rimborsati in 30 comode rate mensili da 100,90€. Tutti i dettagli del piano Easy Pay nel sito www.pallaoro.it.